IL GRAFFIO DEL CAPITANO! FIORENTINO SEGNA E DECIDE IL BIG MATCH CONTRO BARLETTA

Certe partite sembrano frutto di un copione brillantemente scritto e atto a far emozionare e commuovere chi lo legge e chi lo vive. Lo sport è capace di raccontare delle bellissime storie, incredibilmente coinvolgenti. Era la partita più attesa, l’ultima di questo girone di andata, la penultima di un tour de force sfiancante. Barletta era l’avversario più delicato, la chiave per rivedere quella vetta da cui ci si stava allontanando pericolosamente.

La partita si mostra subito combattuta e mette in evidenza tutta la preparazione tattica delle due squadra. Gli ospiti attuano un pressing alto asfissiante nei confronti dei Warriors, che riescono ad essere minacciosi solo in un frangente con Salamida, il quale deve fare i conti con uno Zaminton che custodisce in maniera indomita la porta del Barletta. I biancorossi prendono coraggio e iniziano ad attaccare in maniera incessante, trovando il vantaggio al 7’ minuto grazie ad una conclusione repentina di Dinuzzi, che spedisce il pallone all’angolino. L’Olympique prova ad abbozzare una reazione quantomeno immediata, ma Barletta l’ha preparata bene e si vede, tanto che i gialloblu faticano a superare la metà campo. Non di rado, gli ospiti riescono a riaffacciarsi dalle parti di Bussunda e se al 10’ non ci fosse Lisi a salvare due volte sulla linea, probabilmente ora staremmo raccontando un’altra partita. La prima vera occasione per l’Ostuni arriva al 16’, quando Zaminton para un gol già fatto a Schiavone. Tuttavia, il vice-capitano dei Warriors, quattro minuti dopo è rapace e ribadisce in rete di testa un pallone vagante a poca distanza dalla porta barlettana, firmando il pareggio.

Il rientro in campo mostra una partita più propositiva da parte dei padroni di casa. Certo, nelle battute iniziali è il palo prima e Bussunda poi a graziare i gialloblu, ma da lì in poi sarà un crescendo infermabile dell’Olympique. Prima Schiavone vede pararsi un’altra conclusione solo da ribadire in rete dal Solito Zaminton, poi Fiorentino colpisce un palo clamoroso. Ma si sa, certe volte il destino aspetta dietro l’angolo. Contropiede dell’Olympique, tre contro uno, Lisi mette in mezzo per Fiorentino, il capitano controlla e batte Zaminton, esplode il Palagentile, tutti in piedi per il condottiero dei Warriors, i figlio di Ostuni che dopo mesi torna a segnare in campionato e lo fa nel giorno più importante e nel momento più importante. Il risultato non cambia e ciò che succede dopo è facilmente immaginabile.

Una botta di morale che serviva ai gialloblu per concludere al meglio un gironde di andata più che soddisfacente. Ora la vetta dista solo un punto, prossimo avversario: Just Mola nuovamente al Palagentile sabato prossimo.

Il Presidente Daniele Andriola a fine gara ha dichiarato: “Abbiamo chiuso il girone d’andata con un bilancio positivo ed incoraggiante per il proseguo della stagione. Alla luce di questo non precludo che abbiamo tempo di valutare eventuali mosse di mercato

Ufficio Stampa Olympique Ostuni