L’OLYMPIQUE DILAGA E TOCCA LA B CON UN DITO

Ora tutto è più chiaro, si vede nitidamente il traguardo e tagliarlo dipende solo da noi. L’Olympique visto contro il Maschito è un tripudio di spettacolo e grande futsal, di quelli che si vedono solo nelle categorie nazionali, proprio come quella Serie B che è pronta a comprendere anche l’Ostuni tra i suoi partecipanti. I Warriors, a questo giro, vanno in doppia cifra, con un fare cinico e martellante e con un Salamida semplicemente incontenibile. E’ lui a battezzare questa finale paly-off interregionale, siglando una splendida doppietta nel giro di tre minuti e facendo andare in visibilio il pubblico di casa.

L’Olympique si impone inesorabilmente e si porta sul tre a zero grazie al capitano che, nel giorno più importante, suona la carica al Palagentile. I Warriors non la smettono più e calano il poker al 16’ con una conclusione perfetta dalla distanza di Marco Solidoro. Il primo tempo si spegne con Salamida che tuona altre due volte, al 18’ prima e al 23’ poi, portando il risultato a fine primo tempo sul sei a zero.

Con l’inizio della seconda frazione, la musica non cambia, così come non si sazia l’appetito di Danilo Salamida. A poco più di un minuto dal fischio d’inizio, infatti, si trova a tu per tu con l’estremo difensore ospite e mette dentro la cinquina personale. L’ottavo gol, invece, è riservato al capitano e, dopo poco più di trenta secondi, Lisi lo segue a ruota ed è nove a zero per l’Olympique. Il Maschito tenta di reagire con ogni mezzo, ma il numero esiguo di uomini porta i lucani ad attuare un eccessivo dispendio di energie e li espone ai fulminei contrattacchi gialloblu. Forti di questo vantaggio, i Warriors continuano ad esercitare il loro predominio e sono Fiorentino, Lisi e Ferri a mettere a referto gli ultimi tre gol dei padroni di casa. Il Maschito, dal canto suo, riesce a siglare il gol della bandiera grazie a Cuviello, fissando il risultato sul 12-1.

Un parziale così eloquente può facilmente portare la mente a compiere voli pindarici, distogliendola da una partita di ritorno in cui si ha concretamente l’opportunità di scrivere la pagina più bella della storia dell’Olympique Ostuni. In chiusura, quindi, l’unica cosa che ci sentiamo di chiedere è di seguire i ragazzi di Basile in trasferta il 1° giugno, in modo tale da chiudere nel migliore dei modi questa grandissima stagione.

Ufficio Stampa Olympique Ostuni