LA STORIA

Dal 2012 ad oggi…

L’OLYMPIQUE OSTUNI nasce nella città bianca nel giugno del 2012 da un disegno di DANIELE ANDRIOLA, (Presidente fondatore ideatore del progetto) che decide di cimentarsi con il calcio a 5, disciplina già ampiamente conosciuta e praticata a livello professionale nella provincia di Bari ma ancora poco sviluppata, se non a livello amatoriale, nel territorio brindisino, quindi questa la sfida da portare avanti.

E così l’11 luglio 2012 prende ufficialmente vita il “progetto Olympique” con il preciso intento di creare un movimento solido che duri nel tempo. La rosa e lo staff della prima stagione sono interamente made in Ostuni. La prima stagione che vede gli ostunesi impegnati nel girone C della serie C2 prende il via con l’esordio in coppa Puglia contro il Cocoon Fasano nel centro sportivo Mare Sport. Sarà una stagione esaltante ricca di soddisfazioni tra le quali la vittoria di tutti e tre i derby cittadini giocati contro la Real Five e il sogno, sfumato per un solo gol di differenza, di eliminare quel Futsal Cisternino oggi stabilmente in serie A2 dalla Coppa Puglia. Con ben otto vittorie consecutive ottenute nel girone di ritorno l’Olympique Ostuni al suo primo anno di vita arriva a giocarsi l’accesso alla serie C1 nella finalissima persa contro il Jonny Frog Castellaneta in un indemoniato PalaTifo.

La stagione 2013-2014 parte con la ferma ambizione di provare il salto di categoria. La prima importante novità è logistica: lasciato il sintetico di Mare Sport l’Olympique entra in quello che diventerà il teatro dei sogni: il PalaGentile. Saranno ancora otto vittorie consecutive nel girone di ritorno a lanciare in alto l’Olympique che manca di un soffio la vittoria del campionato avendo però la certezza di giocare i play-off davanti al proprio pubblico. Saranno in 1200 ad accorrere al PalaGentile per la semifinale con la Real Five. La vittoria porta i gialloblu in finale contro le Aquile Molfetta. Altro bagno di folla e altra vittoria in quello che è il primo sogno realizzato: l’appodo in C1.

Per la stagione 2014-2015, la prima nel massimo campionato regionale, la società lavora senza sosta per allestire una squadra che possa ben figurare. Il campionato procede con luci ed ombre fino a quando una trave del PalaGentile cede rendendolo inagibile per mesi. La squadra torna a giocare sul sintetico e per mesi tutto sembra perduto. Con l’ombra di una retrocessione che avanza la squadra e la società si compattano risalendo la china e ottenendo la matematica salvezza solo all’ultima giornata tra il pubblico festante del PalaGentile, finalmente rinato.

Dopo il grande spavento, la grande scalata. L’Olympique fa le cose in grande per la stagione 2015-2016. La prima importante novità è la nascita della selezione Under 21 con il preciso intento di far innamorare anche i più giovani e avvicinarli a questa disciplina e che porterà il primo importante risultato: la convocazione nella rappresentativa Puglia di due classe 1997, Alessio Fumarola e Andrea Lotesoriere, per il prestigioso “Torneo delle Regioni” giocato a marzo in Valle D’Aosta e concluso per la selezione pugliese al secondo posto. La prima squadra invece viene allestita con l’obiettivo di stazionare nelle zone alte della classifica. L’Olympique risulta essere la sorpresa del campionato e dopo un periodo di sbandamento vince le ultime tre partite di campionato riacciuffando uno storico piazzamento Play-off per la promozione in serie B. Ancora una volta, teatro del sogno diventa il PalaGentile, autentica bolgia nelle partite con Trulli e Grotte, Locorotondo che assicurano all’Olympique la vittoria dei play-off regionali e l’accesso al triangolare nazionale per la promozione in serie B. L’Olympique vince in casa contro il Bernalda ma cade a Santa Maria Capua Vetere sotto il sole sull’erba sintetica. La sconfitta non chiude la promozione in  serie B che avverrà per il riordino dei campionati che passeranno da 12 a 14 squadre colmando di fatto con noi la prima delle due caselle libere. Intanto la società è già al lavoro per ampliare ancora di più la portata del suo movimento in via di espansione. Pronta a partire infatti la scuola calcio a 5 che ha già registrato diverse adesioni. Nuovi progetti per nuove ambizioni.⁠⁠⁠⁠